Morti bianche, continua la mobilitazione “Fermiamo la scia di sangue” della Cisl: dopo le assemblee nelle aziende, la Cisl sarà presente martedì 5 marzo dalle 11 in tutte le prefetture siciliane, con presidi e flashmob di lavoratrici e lavoratori che daranno voce a chi ha perso la vita sul posto di lavoro

Presidi e flash mob della Cisl siciliana, il 5 marzo dalle ore 11 davanti a tutte le prefetture dell’isola, per sensibilizzare sui temi della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. La manifestazione è una tappa della mobilitazione nazionale “Fermiamo la scia di sangue” lanciata dalla Cisl, che nelle scorse settimane ha tenuto assemblee nei luoghi di lavoro. Martedì 5 marzo in Sicilia saranno le lavoratrici e i lavoratori a raccontare questa strage silenziosa, dando voce alle tante, troppe, storie di morti bianche. “Vogliamo sostenere il positivo confronto avviato a livello nazionale – dichiara Rosanna Laplaca, segretaria regionale con delega in materia-  con l’obiettivo di strutturare o rafforzare un coordinamento permanente di costruzione di interventi concreti sui territori e la definizione di attività certe e costanti di presidio sul livello locale, in piena prossimità delle realtà lavorative presso tutte le Prefetture dell’isola, in grado di aumentare  la sinergia tra parti sociali, istituzioni e imprese, a cominciare dal presidio in ogni contesto lavorativo della rappresentanza sindacale e territoriale dei lavoratori e delle lavoratrici. Il nostro obiettivo è quello di garantire quel controllo di prossimità a favore dell’affermazione delle tutele di salute e sicurezza, già avviato in Sicilia con la campagna Cisl #presidiamolasicurezza. Il coordinamento deve rendere funzionale ed evitare la dispersione di risorse tra le istituzioni deputate ai controlli e ispezioni, realizzando altresì un grande investimento su prevenzione e formazione, anche attraverso la valorizzazione degli enti bilaterali e gli organismi paritetici”.  “La sicurezza sul lavoro è una questione di civiltà – afferma il segretario Generale della Cisl Sicilia, Sebastiano Cappuccio –  un Paese in cui ogni giorno più di tre persone perdono la vita sul posto di lavoro, più di dieci lavoratori si feriscono o si ammalano e in cui nove ispezioni su dieci danno esiti di irregolarità, è un Paese sfregiato nei suoi valori fondamentali. Su questo “Governo, sindacato e imprese devono trovarsi dalla stessa parte per dar vita a una nuova strategia che punti all’obiettivo di azzerare le morti sul lavoro”.
“In Sicilia – continua Cappuccio- è prioritario rafforzare i ranghi degli ispettori e dei medici del lavoro, migliorare il coordinamento tra livelli chiamati al controllo, utilizzare e coordinare maggiormente le banche dati informatiche, istituire una patente a punti per qualificare le imprese e legare ai parametri di sicurezza il rating aziendale per l’accesso ai bandi di gara degli appalti pubblici. Ma va anche programmato un grande investimento sulla formazione in azienda, per lavoratori e datori di lavoro”.